Discorsi Fotografici

Le ultime novità e Silvio De Pecher a Discorsi Fotografici!

 

podcast

Fotobar con il nostro amico Andrea Cabas Vidani di Fotocomefare  sulle ultime novità!  Continua la serie di grandi ospiti dal Nettuno Photo Festival, oggi abbiamo con noi il fotografo giornalista Silvio de Pecher!

Siamo raggiungibili da iTunes, per abbonarsi in modo facile e gratuito tramite il servizio Apple cliccate qui

Chi non avesse iTunes può abbonarsi al feed audio del podcast cliccando qui

Cliccate i player qui sotto per ascoltare la puntata in formato AAC o MP3, potete anche scaricarvela seguendo il link “download” riportato subito sotto i rispettivi player.

… Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Altre novità e le interviste a Franco Fontana, Pippo Pappalardo, Silvia Amodio e Andrea Pacanowski!

 

Di ritorno dal Nettuno Photo Festival con un ricco bottino di interviste ai grandi fotografi e ai tanti partecipanti alla collettiva Photogem. In questa puntata potremo godere di molte parole spese da grandi artisti nel mondo della fotografia, ma parleremo anche di altre novità in attesa del Photokina!

Siamo raggiungibili da iTunes, per abbonarsi in modo facile e gratuito tramite il servizio Apple cliccate qui

Chi non avesse iTunes può abbonarsi al feed audio del podcast cliccando qui

Cliccate i player qui sotto per ascoltare la puntata in formato AAC o MP3, potete anche scaricarvela seguendo il link “download” riportato subito sotto i rispettivi player.

… Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Mario Giacomelli. Fotografie dall’Archivio di Luigi Crocenzi

Dal 12 Settembre 2012 al 20 Gennaio 2013, presso il Museo di Roma in Trastevere sarà proposta un’antologica del celebre fotografo marchigiano, arricchita dalla presenza di documenti e materiale epistolare.

Pretini - Mario Giacomelli

Le suggestive e oniriche geometrie paesaggistiche, i ritratti carichi di pathos, le sequenze “cinematografiche”, immagini che si traducono quasi in puro segno grafico; sono le espressioni di un linguaggio fotografico unico nel suo genere, che scavalca ogni etichetta per gettare uno sguardo sul lato poetico ed emotivo della realtà. Lo stesso Giacomelli sfuggì ad ogni definizione; fotografo nel tempo libero, tipografo per professione, poeta e scrittore per vocazione, fu in grado di sintetizzare questi differenti percorsi in un codice visivo personalissimo e originale. Una ricerca artistica e in un certo senso filosofica, in cui l’attenzione per il rigore compositivo e il gusto per l’elemento grafico sposano il cuore pulsante della parola poetica. (Priscilla Inzerilli) … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Stillwaiting gli scatti di Stefano Cioffi a Roma

A Roma è in corso e sarà visitabile fino all’8 marzo 2012

presso il Museo Carlo Bilotti Aranciera di Villa Borghese, la mostra fotografica
Stefano Cioffi. Stillwaiting” – a cura di Lori Adragna e Lorenzo Canova

Stillwaiting ©Stefano Cioffi
“Attraverso gli scatti della serie Stillwaiting, Stefano Cioffi indaga il vuoto, la pausa, il silenzio
nell’attesa dell’evento, entrando in risonanza con il soggetto, lo fissa in un tempo
indefinito di sospensione interiore che si manifesta all’esterno. Dalle sue fotografie chiare
e impattanti di un bianco e nero incisivo, traspare l’attesa che non si attende nulla, solo uno stare
in essa, senza maschera, illusione, sentimentalismo, conoscenza e verità predefinite.
L’attesa è parte stessa della fotografia, la sua creazione interseca e mette a fuoco, blocca o rinvia
l’obiettivo dei desideri. L’incontro con l’immagine finalmente realizzata diviene via dell’attesa e del
desiderio anche per chi la guarda. La fotocamera di Cioffi ne cattura l’essenza negli scorci delle
città, nelle località marine, nelle discariche, nei luoghi di culto, nei non-luoghi: siti eletti
dell’immobilità e del passaggio come le stazioni sotterranee o gli aeroporti.
Con la fotografia Stefano Cioffi rappresenta il mondo nella sua presenza inafferrabile,
moltiplica il suo sguardo nella complessità delle cose, lo disperde nella folla. L’artista
cerca di sfidare il trascorrere del tempo e della luce portando la sua indagine su più livelli, a partire
da quello degli oggetti apparentemente banali e quotidiani che accompagnano la nostra vita e che
spesso consideriamo inutili. Scopre la solitudine lirica degli oggetti abbandonati, una sedia, un
divano, una giacca o una bottiglia che si rivestono di una presenza speciale nella relazione quasi
architettonica con lo spazio che li ospita, trovata con ostinazione nelle pieghe solitarie dei luoghi,
in un’attesa che spesso rivela un distacco senza alcuna possibilità di redenzione.
Stefano Cioffi, nato a Napoli e attivo a Roma, è artista e musicista. La sua mostra innesca
riflessioni sul concetto di tempo e di pausa, sia come rappresentazione visiva che musicale.
L’artista insegue storie narrate con semplici dettagli per restituire la musica segreta dei luoghi. A
tal fine accosta all’esposizione di fotografie, un video diretto e musicato da lui stesso ed
un’installazione di slideshow con 150 immagini in loop che riproducono l’intero progetto.
Il catalogo “Stefano Cioffi. Stillwaiting” è pubblicato da Silvana Editoriale con testi di Lori
Adragna, Lorenzo Canova, Fabio Castriota e corredato da circa 60 immagini.”

INFORMAZIONI UTILI:
Museo Carlo Bilotti, Aranciera di Villa Borghese
Viale Fiorello La Guardia, Roma

Orari da martedì a domenica ore 9.00 – 19.00
la biglietteria chiude alle ore 18.30. Lunedì chiuso
Biglietti Biglietto integrato Museo + Mostra: € 7 intero, € 6 ridotto.

Dal martedì al venerdì accesso con visita accompagnata ogni
30 minuti, dalle 9 alle 18. Durata della visita 45 minuti.
Sabato e domenica: visita libera.

Info Tel 060608 (tutti i giorni ore 9.00 – 21.00)
www.museocarlobilotti.it, www.museiincomune.it,
www.zetema.it
Ente promotore Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e Centro
Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Gli scatti di Arif Asci e Evgen Bavčar in mostra a Roma

Il Museo di Roma in Trastevere e il Museo dei Fori Imperiali, strutture appartenenti al circuito dei Musei in Comune, ospiteranno due interessantissime mostre fotografiche che teniamo a segnalarvi.

Gli scatti esposti sono frutto di percorsi personali del tutto differenti sia per distanza temporale tra i due artisti che per provenienza geografica, un gioco di colori e paesaggi una e profonda spiritualità in bianco e nero l’altra.

Al Museo dei Fori Imperiali ai Mercati di Traiano saranno esposti dal 14 Febbraio e fino all’ 11 Marzo 2012 gli scatti del contemporaneo fotografo turco Arif Asci.

L'ultima Carovana - diritti riservati

“Mostra Fotografica e Audiovisiva del grande fotografo contemporaneo turco Arif Asci, che ha ripercorso, con una carovana di otto perone e dieci cammelli, un antico tracciato commerciale partendo da Xian ed arrivando ad Istanbul. Il viaggio, attraverso Kyrgyzstan, Turkmenistan e Iran, è durato 18 mesi per un tragitto di 12mila chilometri” da qui il titolo “L’ultima carovana”, questa esposizione è parte del programma di undici mostre organizzate a Roma per “Vie della Seta” Biennale Internazionale di Cultura dedicata a quei Paesi del Medio ed Estremo Oriente che, fino al XIII secolo, in sostanza fino ai viaggi di Marco Polo, hanno costituito un mistero per l’Europa.

Al Museo di Roma in Trastevere si potrà vedere dal 19 Febbraio fino al 25 Marzo 2012 la mostra “Il buio è uno spazio” di Evgen Bavčar.

Il buio è uno spazio - diritti riservati

“Le immagini di Evgen Bavčar sono una vera e propria sfida al limite fisico della sua cecità. Ognuna di esse, nella sua poeticità, rimarca una volta di più quanto guardare e vedere siano due concetti estremamente diversi, e sottolinea la profonda sensibilità di questo incredibile fotografo che riesce a mostrarci aspetti del visibile a noi ignoti. Le opere prendono forma dai suoi ricordi e dalle suggestioni evocate dal mondo circostante, che Bavčar rielabora con grande profondità, creando “visioni dell’anima” oniriche ed emozionanti”.

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Tema creato da federicoemmi | © 2017 Discorsi Fotografici Versione Beta 1.6