Discorsi Fotografici

L’intervista a Guido Dacomo

DF: Oggi abbiamo l’onore di intervistare Guido Dacomo, fotografo fin dall’adolescenza, lo abbiamo conosciuto attraverso il sito della Nikon, parlaci un po’ di te.

GD: Ho 58 anni e fotografo dall’età di 16, ho sempre avuto questo hobby, questa idea di esprimermi attraverso le immagini fotografiche, ho cominciato con una Contax a telemetro di 3^ o 4^ mano, neanche ricordo più, regalatami da mio padre, e lì ho cominciato in un contesto generale forse perché la fotografia ti permette in qualche maniera di fermare quelli che alcuni definiscono l’istante assoluto, cioè quello che ti permette di fermare un certo momento e tu in questo momento poi nel tempo ti ritrovi, e può essere il tempo di un giorno dopo o un anno dopo, e questa è una cosa che mi ha sempre affascinato, così poi sono passato a macchine più sofisticate, e a quei tempi con grandi sacrifici per comprarmi l’attrezzatura, perché non vengo da una famiglia particolarmente ricca, e di questo me ne faccio un piccolo vanto, perché queste  piccole cose me le sono gustate pian piano, sempre andando avanti. Se avete visto il mio sito, vi sarete accorti che mi sto occupando di diversi generi fotografici. … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

L’intervista a Denis Curti


DF: Discorsi fotografici ha il piacere di intervistare il Direttore della sede di Milano dell’agenzia fotografica Contrasto, una realtà imposta sia a livello nazionale che internazionale, un’occasione veramente unica per tutti nostri ascoltatori di poter interagire con dei professionisti del settore del foto-giornalismo, anche perché le domande che faremo interessano sia i professionisti, sia quelle persone che cercano di emergere nel panorama della fotografia di reportage, per cui buongiorno Direttore Denis Curti

DC: Buongiorno

DF: Passiamo subito alle domande, Denis Curti è direttore dell’agenzia fotografica Contrasto della sede di Milano, ci racconti la sua storia professionale e l’evoluzione del’’agenzia Contrasto dagli anni 80 ad oggi.

DC: La mia storia professionale non coincide in pieno con lo sviluppo di Contrasto perché sono arrivato dopo la sua creazione, ho cominciato ad occuparmi di fotografia inizialmente come fotografo, anche se poi ho quasi subito abbandonato la professione per passare forse a quello che più mi interessava, che era quello della scrittura, della critica, della storia e l’organizzazione, quindi dopo un paio d’anni di professione sono approdato alla Fondazione Italiana per la Fotografia di Torino, dove mi occupavo della promozione dei giovani autori, con un grande privilegio verso la ricerca, pian piano sono cresciuto all’interno di questa fondazione fino a diventarne il direttore di una realtà che purtroppo adesso non esiste più da circa 10-12 anni, e contemporaneamente all’attività di questa fondazione ero anche il direttore artistico della biennale internazionale di fotografia di Torino, ed era all’epoca, parliamo di anni 80, una delle pochissime realtà che si impegnava sulla fotografia e soprattutto che aveva uno sguardo internazionale, contemporaneamente, scrivevo per le riviste, ho scritto per tanti anni per il Corriere della Sera, e per le pagine del Settimanale di Milano esercitando una funzione critica che mi piace definire militante perché appunto il mio impegno era verso le nuove generazioni, all’epoca anche io ero molto giovane, e quindi mi piaceva lavorare molto in questo senso, e sviluppare una politica di sviluppo internazionale delle produzioni di tutti i miei coetanei. Quando è finita questa esperienza ho continuato ad esercitare una funzione critica editoriale indipendente, un po in tutta Italia ed anche all’estero, poi tra la fine degli anni 90 e gli inizi del 2000 ho iniziato una collaborazione con Contrasto sempre come responsabile per le mostre nella parte del Nord Italia, condividendo questo ruolo con Alessandra Mauro che adesso è il Direttore Editoriale della Casa Editrice di Contrasto e la responsabile delle mostre a livello nazionale. Ho cominciato questa nuova collaborazione con loro, abbiamo sviluppato quel senso di cultura e l’abbiamo portato ad un livello abbastanza interessante, pian piano mi hanno chiesto di occuparmi di agenzia, quindi di mantenere entrambi le funzioni, sia quella di Manager dell’Agenzia e quella di Critico e Curatore, quindi ho cominciato ad occuparmi di agenzie, di tutti gli aspetti commerciali legati al mercato Editoriale, al mercato del Corporate, al mercato dell’Advertising sempre per la sede di Milano, fino poi a giungere al progetto forse più ambizioso, più serio che è quello di FORMA Centro Internazionale di Fotografia, mi sono occupato anche di questo, quindi oggi occupo questa posizione di Vice-Presidente della Fondazione FORMA e Direttore dell’Agenzia di Milano, tutto questo detto in poche parole, mi scuso se sono stato un po’ noioso. … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

L’intervista a Giovanna Griffo

Da oggi, grazie alla grande pazienza di Cristiano Testa, pubblicheremo i testi delle nostre interviste su podcast, un modo per rileggere ciò che si è sentito e, perché no, condividerlo più facilmente con chi vogliamo! Le interviste saranno riprodotte in ordine cronologico. Buona lettura!

Il link al podcast originale lo trovate qui, non dimenticate di visitare anche il suo sito!

DF: Oggi abbiamo l’onore di aprire questa serie di interviste con la fotografa di Latina Giovanna Griffo che è stata estrememente gentile a voler partecipare ed è anche una persona molto simpatica, e siamo veramente lieti di potervi offrire questa occasione di poter imparare qualcosa da lei.

DF: Ciao Giovanna, sei contenta di partecipare a discorsi fotografici?

GG: Ciao a tutti, sono talmente contenta che ho aggiornato il mio status su Facebook, quindi adesso tutto il mondo lo sa. … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Pino e Filippo Coscetta, nei borghi antichi la storia è vita.

Discorsi fotografici ha intervistato Pino e Filippo Coscetta, autori del bellissimo libro “Nei Borghi Antichi la Storia è Vita”, che raccomandiamo di consultare a questo indirizzo

Pino e Filippo Coscetta, il primo giornalista e il secondo fotografo-giornalista laureato in Scienze della Comunicazione, padre e figlio responsabili di un progetto ambizioso finanziato dalla Provincia di Roma “Nei Borghi antichi la storia è vita”. Raccontateci la vostra esperienza. Quali gli obiettivi di questo lavoro? … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

La situazione geopolitica in Siria vista da un fotografo

Uno dei primi reportage che Discorsi Fotografici ha avuto modo di ospitare è stato quello realizzato da Terenzio Lodadio in Siria. La cronaca di questi giorni ci porta a riflettere sui circa duecento dimostranti uccisi dall’esercito governativo durante le manifestazioni di piazza. Le forze di sicurezza siriane hanno sparato su chi protestava contro le leggi di emergenza nella città meridionale di Daraa e Damasco, epicentri della protesta contro il regime di Bashar al Assad.

Terenzio, Lei è stato diverse volte in Siria. La situazione politica attuale l’ha sorpresa?

Direi di sì. Quando mi sono recato in Siria, ospite di amici, non ho riscontrato, parlando con i cittadini, dei fermenti, delle opinioni negative sulla situazione politica locale. Mi è sembrato tutto tranquillo. Ma questo può derivare da diversi fattori, come la preoccupazione di esporsi. … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Pagina 2 di 3123

Tema creato da federicoemmi | © 2019 Discorsi Fotografici Versione Beta 1.6