Discorsi Fotografici

Panasonic LUMIX G5: la nuova Compact System Camera di riferimento

Il nuovo sensore digitale Live MOS da 16M e il nuovo processore Venus Engine 7 FHD forniscono una qualità di immagine superba, con foto e video, soprattutto in condizioni di scarsa illuminazione.

Milano, 18 Luglio – Panasonic presenta LUMIX G5, una rivoluzionaria CSC. Grazie alla straordinaria qualità di immagine fornita da tecnologie evolute, oltre al completo controllo sulle funzioni creative e alla vasta gamma di opzioni che il sistema LUMIX G fornisce, la nuova LUMIX G5 sarà la compagna ideale per raggiungere i più alti livelli della fotografia.

La qualità di immagine delle system camera ha un nuovo punto di riferimento

LUMIX G5 sprigiona tutta la qualità di immagine di cui un sistema mirrorless è capace. Il nuovo Sensore Live MOS Micro Quattro Terzi da 16,05 megapixel offre immagini nitide e prive di disturbi come non se ne erano mai viste. Dal canto suo, l’incredibile potenza di elaborazione del processore di immagine Venus Engine VII FHD massimizza il potenziale di video e fotografie. Grazie al perfetto bilanciamento tra sensore e processore di immagine, la LUMIX G5 può vantare una sensibilità da 160 a 12.800 ISO, per immagini straordinarie anche in condizioni di scarsa illuminazione. … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Nuovo Obiettivo Intercambiabile Digitale: LUMIX G X VARIO H-HS12035

LUMIX G X VARIO H-HS12035 da 12-35mmPanasonic è lieta di presentare un nuovo obiettivo digitale intercambiabile con Zoom Standard, il modello LUMIX G X VARIO H-HS12035 da 12-35mm (equivalente ad un 24-70 mm nel formato 35mm), F2.8 ASPH. dotato di stabilizzatore POWER O.I.S., studiato per le fotocamere del sistema LUMIX G Micro.

Frutto delle tecnologie ottiche di avanguardia Panasonic, l’obiettivo “X” garantisce una resa di immagine superba, caratterizzata da una riproduzione fedele e naturale delle texture e da un livello di contrasto altissimo su tutta l’area di immagine. L’esclusivo rivestimento Nano Surface riduce al mimino i riflessi e gli effetti “ghost” ed ottiene un risultato complessivo straordinario per trasparenza e realismo. … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

CiternaFotografia – Ecuador: il piccolo gigante

Al citerna fotografia, Festival d’arte fotografica, si inaugura oggi 28 aprile questa interessante mostra “Ecuador: il piccolo gigante” di Loredana De Pace, e sarà visitabile fino al 3 giugno.

In Ecuador l’identità nazionale è variegata e multietnica. Questa piccola grande nazione sudamericana ha molto da offrire in termini di meraviglie naturali, cultura culinaria, tradizioni popolari e musica. La mostra Ecuador: il piccolo gigante di Loredana De Pace vuole valorizzare le caratteristiche culturali spesso contraddittorie proprie del Paese, dalle quali questo trae energia, ricava il suo vigore evolutivo e cresce. Tale contrasto si palesa nelle immagini – in forma di dittici, venti in tutto – giocate fra architettura e natura, ma sempre messe in relazione con la presenza umana: questa si mostra solo marginalmente, lasciandosi rappresentare più che altro dal suo stesso operato. … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Una grande retrospettiva di Robert Mapplethorpe

A Milano presso la Fondazione FORMA per la Fotografia è in corso e sarà visitabile fino al 9 aprile 2012 una grande retrospettiva che ripercorre la carriera e l’opera di Robert Mapplethorpe.

Autoritratto, 1980 © Robert Mapplethorpe Foundation

Mapplethorpe è stato un fotografo attivo nella  New York degli anni settanta e ottanta, dopo aver seguito gli studi artistici presso il Pratt Institute di Brooklyn, influenzato da artisti come Joseph Cornell e Marcel Duchamp, Mapplethorpe si avvicina alla fotografia componendo dei montaggi con materiale fotografico di repertorio, quelle opere che vengono definite “mixed-media collages”, è solo nel 1970 dopo aver acquistato una Polaroid che inizia a scattare. Famose sono le sue composizioni di nature morte e i suoi ritratti.
Qualche anno dopo acquista una Hasselblad medio formato e con il tempo diventano soggetti preferiti dei suoi scatti i nudi sia maschili che femminili, ripresi in composizioni quasi rigide che a tratti ricordano il “modo di stasi” della statuaria classica.
Mapplethorpe lavora nel pieno della rivoluzione pop e new dada, a contatto con artisti come Andy Warhol, celebre il suo ritratto in uno scatto del 1986. Dello stesso anno  è il bellissimo ritratto della cantante Patti Smith, da sempre sua fonte di ispirazione, conobbe la cantante nel 1968, per la quale curò le copertine dei dischi.
Mapplethorpe continua lavorare e a fotografare nel suo modo preciso e impeccabile fino alla fine degli anni ottanta.
La biografia completa la potete trovare sul sito della “The Robert Mapplethorpe Foundation” .

“La mostra, proveniente dalla Robert Mapplethorpe Foundation di New York, comprende 178 fotografie e rappresenta un’occasione unica per ripercorrere, con un unico sguardo retrospettivo, il lavoro di Mapplethorpe, dalle prime polaroid alla sconcertante serie dedicata a Lisa Lyon, alle splendide immagini dedicate al corpo maschile, indagato e celebrato come mai prima di allora, all’omaggio alla sua musa Patti Smith, agli insoliti,teneri e malinconici ritratti di bambini.
L’estrema contemporaneità e la grande classicità di Mapplethorpe è tutta in questa possibile perfezione da raggiungere e da realizzare nel breve lasso di tempo di uno scatto, di una sessione di posa.
La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Contrasto.”

Tutte le informazioni  sulla mostra le potete trovare sul sito della Fondazione FORMA per la Fotografia

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Il concorso di Natale: seguici su Twitter, puoi vincere “L’esposizione fotografica” di Michael Freeman!

Seguici su Twitter, puoi vincere il bellissimo libro di Michael Freeman!!!

L’esposizione fotografica



Partecipare è semplice e assolutamente gratuito: diventa follower di Discorsi Fotografici su Twitter e twitta il seguente testo in blu:

Con Discorsi Fotografici puoi vincere il libro “L’esposizione fotografica” di M. Freeman, segui @disfoto e retwitta questo messaggio!

Il concorso termina il 15 Febbraio 2011, il vincitore sarà estratto a sorte tra tutti quelli che avranno partecipato e sarà invitato come ospite nel Fotobar! Attenzione, scrivere più volte lo stesso messaggio non farà aumentare le probabilità di vincita! Partecipate numerosi! … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

No Comments

Pagina 4 di 9« Prima...23456...Ultima »

Tema creato da federicoemmi | © 2019 Discorsi Fotografici Versione Beta 1.6