Le ultime novità, l’evento Attraverso le Pieghe del Tempo, Davide Palmisano & Manuela Marchetti a Discorsi Fotografici!

podcast
Nel fotobar ospite Lisa Bernardini, nota amica e anima del Photofestival Attraverso Le Pieghe del Tempo che quest’anno ci propone molti incontri interessanti! L’intervista di oggi vede due fotografi e compagni di vita che ci faranno conoscere la bellezza del loro lavoro: Davide Palmisano e Manuela Marchetti!

Siamo raggiungibili da iTunes, per abbonarsi in modo facile e gratuito tramite il servizio Apple cliccate qui Chi non avesse iTunes può abbonarsi al feed audio del podcast cliccando qui Cliccate i player qui sotto per ascoltare la puntata in formato AAC o MP3, potete anche scaricarvela seguendo il link “download” riportato subito sotto i rispettivi player.

In Questa Puntata

Fotobar:

Abbiamo parlato di:

  • Il Photofestival Attraverso le Pieghe del Tempo
  • Canon 5D Mark IV
  • Fujifilm alzerà presto i prezzi delle pellicole
  • Un bar fotografico
  • Considerazioni sul futuro e sul costo del digitale
  • Sensore a 16 bit (21 bit con compressione) per Sony
  • Ed altro ancora!!

 L’intervista:

Davide Palmisano, nato a Catania nel 1973, vive e lavora a Trento dal 1997. Fin da ragazzo dimostra una spiccata passione per la fotografia, che pratica costantemente ma di cui solo in anni recenti scopre le reali possibilità espressive e narrative, consapevolezza che lo porterà a concentrare la sua attenzione ed i suoi sforzi su progetti tematici e monografici.
Con un percorso da autodidatta, assiduo frequentatore di libri di fotografia, mostre, festival e da una posizione di non professionismo, fotografa per rispondere al bisogno personale e intimo di esprimersi. La fotografia è per lui un sensibile strumento di rappresentazione della realtà – o frammenti di essa – che egli utilizza cercando di tradurne la propria percezione e interpretazione con essenzialità; un mezzo attraverso il quale stimolare l’osservatore e richiamarlo alla dimensione emotiva.
Nella sua pratica espressiva predilige la ricerca della suggestione, e la rappresentazione di stati d’animo, traduzione di ciò che lui stesso prova quando osserva una situazione; attraverso immagini perciò concepite come una sorta di ‘paesaggio interiore’.
Ama definire la sua fotografia come «un mezzo per rivelare una dichiarazione di questo mondo e di coloro che lo abitano» e ritiene essere la curiosità e la fantasia, carburante emotivo e ragioni stesse dell’azione creativa.
Si misura soprattutto con il reportage e la street photography ma guarda anche alla fotografia artistica come una diversa strada, che comporta rompere le regole di conformità, osare, seguire il proprio percorso.
Sue foto sono state pubblicate su riviste di settore, magazine e  testate web, tra cui LensCulture, Vogue, Private, Witness Journal. Suoi lavori sono stati esposti in diverse sedi italiane e festival di fotografia, tra i quali il Festival della Fotografia Europea, Reggio Emilia; Fotoincontri, Bibbiena; ColornoPhotoLife, Colorno (PR) ed in alcune sedi estere (Croazia).
Nel 2014 ha vinto il terzo premio al Moscow International Fotography Awards con il portfolio ‘Borders of the Sky‘ e il quinto premio al Rovigno Photodays con il portfolio ‘Rom on the Air‘. Nel 2015 si è stato aggiudicato il primo premio al MIFA (Moscow International Fotography Awards) con il portfolio ‘Empire Roma‘ ed un terzo posto al concorso PhotoEbook, indetto da Emuse editore con il lavoro ‘Timeless Persian Tales‘.

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.