Wotancraft Atelier, Raven, la recensione di Discorsi Fotografici

buc003-style

A volte, navigando nel web alla ricerca di accessori fotografici, ci si imbatte in prodotti che attirano la nostra attenzione, è questo il caso della Wotancraft Atelier, azienda con sede a Taipei, Taiwan. Sono stato attirato a prima vista sicuramente dalle immagini dei prodotti che creano e soprattutto incuriosito dalla loro descrizione, e così abbiamo deciso di contattarli per farci inviare un modello di borsa, ed ecco che dopo qualche giorno è arrivata la “RAVEN”.

buc003-side

buc003-front

Aprendo la scatola siamo rimasti piacevolmente stupiti dal fatto che era custodita non nella solita busta di plastica trasparente, ma in una sacca di cotone, proprio come le borse che andremmo a comprare in un negozio di alta moda, la prima cosa che viene in mente, prima di prendere la borsa fra le mani è l’idea di trovarci davanti qualcosa di diverso dalle altre, infatti il profumo di cuoio riempie subito la stanza, facendoci immaginare di essere nella bottega di un conciatore. Le parti in pelle nera e marrone sapientemente cucite a mano sono interamente conciate vegetalmete in “pieno fiore”, per le parti marroni che sono liscie al tatto a differenza delle parti nere che hanno una trama, sono trattate con agenti vegetali come quebracho, castagno e acacia e sono proprio questi a dare quel profumo particolare alla borsa.

buc003-designs

Le pelli usate non vengono trattate in spessore, ma dell’intera pezza la wotancraft utilizza solo le parti che hanno le dimensioni giuste per essere cucite, questo per preservare l’integrità e la resistenza del materiale, l’interno è realizzato in morbido velluto piacevole al tatto e per ridurre la possibile scalfittura della fotocamera.

buc003-flapedge

Il sistema di chiusura della patta anteriore è assicurato attraverso due grandi magneti di forma circolare, le zip bronzate hanno all’interno un lembo che quando la borsa è chiusa, assicurano una tenuta all’ingresso della polvere, le dimensioni interne sono circa 25x11x18 cm e la borsa accoglie comodamente una fotocamera compatta con obiettivo montato e rimane dello spazio per un eventuale obiettivo, nel nostro caso abbiamo inserito all’interno la Sony A7 MkII e una Fuji x10.

buc003-gear

Frontalmente ci sono due piccoli scomparti, una tasca aperta ed un’altra chiusa con la zip, dove all’interno potremmo inserire documenti, cellulare o filtri per gli obiettivi ed il tappo frontale. La tracolla sempre in pelle è regolabile e viene assicurata alla borsa attraverso due comodi moschettoni.

buc003-front-revealed

buc003-back

Chiusa e messa a tracolla non sembra una borsa fotografica, tutt’altro, posso dirvi che l’ho portata con me ed indossata ad una cerimonia in chiesa, ed ho addirittura ricevuto i complimenti “che bella borsa che ti sei comprato!”

Quindi concludendo le sensazioni sono state tutte ripagate abbondantemente, la Raven è una borsa di qualità superiore ad un prezzo di 279$, ma si sa se si vuole la qualità un po´ bisogna pagarla, e la Wotancraft sicuramente li vale tutti. Qui inseriamo il link alla pagina ufficiale del produttore.

La video recensione: https://youtu.be/XwfsH1w2xcE

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.