Discorsi Fotografici

Santa Giulia ora pro nobis – Un lavoro fotografico di Luca Rotondo

LUCA_ROTONDO_13

Proponiamo con piacere uno dei recenti lavori fotografici di Luca Rotondo, fotografo di architettura e paesaggio, su una delle tante realtà italiane di cattiva gestione del territorio, raccontata fotograficamente con il giusto distacco oggettivo da reportage, ma anche con una sapienza geometrica e compositiva che rafforza ancor più il messaggio che si vuole trasmettere.

Luca Rotondo dice di sé:

La mia ricerca si focalizza nell’indagare il paesaggio, specialmente urbano o di confine. Il fine è duplice, da un lato si tratta di un tentativo di testimoniare determinate realtà urbane, come nel lavoro su Santa Giulia a Milano, dall’altro con il lavoro “ipotesi di paesaggio” la fotografia diventa un mezzo categorizzante del reale. Ipotizzare un paesaggio vuol dire scomporre il visibile nei suoi elementi, siano questi immediati all’osservatore o derivati dai piccoli indizi che ne anticipano la presenza e ne suggeriscono il valore. L’osservare del fotografo, viaggiando dal micro al macroscopico, tenta di ordinare per possibili categorie sintattiche i vari significati leggibili nel paesaggio ed ipotizza le definizioni dell’insieme di elementi che in questo si compongono.

Un altro suo interessante lavoro, “Ipotesi di paesaggio”, è visibile a questo link … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

UN MESE NEL MYANMAR, PER SEMPRE NEL CUORE! Prima parte di Giovanni Camici e Antonietta Peroni

Vi presentiamo la prima parte di un reportage di viaggio realizzato da Antonietta Peroni e Giovanni Camici, dedicato al Myanmar.

Il Myanmar è uno Stato dell’Asia sudorientale, si affaccia sul Golfo del Bengala e sul Mar delle Andamane e confina da ovest ad est con Bangladesh, India, Cina, Laos e Thailandia. La parte centrale del Paese è caratterizzata dalla presenza di ampi fiumi e pianure, il corso d’acqua principale è l’Ayeyarwady, navigabile per circa 1600 Km, lungo le sue sponde si estende il territorio agricolo del paese. L’anno è caratterizzato da tre diverse stagioni: quella invernale, fredda e secca che dura da novembre a febbraio; quella estiva, più torrida, da marzo a maggio; quella dei monsoni, umida e piovosa, da maggio a ottobre. Dal 2006 la giunta militare ha spostato la capitale da Yangon a Naypyidaw, il birmano è la lingua più diffusa, mentre l’inglese è parlato da pochi, la moneta è il Kyat. Il Myanmar è un paese multi-religioso, quella Theravāda è la tradizione buddhista più diffusa, cristiana (battista e cattolica) mussulmana e induista. La cucina Birmana è stata influenzata da quella indiana, cinese e thailandese, l’ingrediente principale è il riso oppure noodles accompagnati da verdure, pesce o carne tutto speziato. Si possono gustare questi magnifici piatti lungo le strade, tra i vari banchetti ove le donne cucinano con molta passione oppure se si è in viaggio, si possono acquistare dai venditori ambulanti. Questo paese è ricco di luoghi interessanti, citandone alcuni:

KANDAWGY LAKE 3 … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Le ultime novità e MomaPIX a Discorsi Fotografici!

 

podcast

Fotobar  sulle ultime novità, tra cui la Nikon D610. Ospite di oggi Claudio Melissari, direttore del progetto MomaPIX, che ci illustrerà la piattaforma digitale per professionisti tutta italiana.

Siamo raggiungibili da iTunes, per abbonarsi in modo facile e gratuito tramite il servizio Apple cliccate qui

Chi non avesse iTunes può abbonarsi al feed audio del podcast cliccando qui

Cliccate i player qui sotto per ascoltare la puntata in formato AAC o MP3, potete anche scaricarvela seguendo il link “download” riportato subito sotto i rispettivi player.

… Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

MomaPIX, l’archivio digitale per professionisti – la nostra Recensione

logoMOMAPIX

MomaPIX, la recente proposta web-based tutta italiana di archiviazione digitale di immagini rivolta ai professionisti ed alle aziende che lavorano con la fotografia, ci ha gentilmente concesso un account per sperimentare questa piattaforma che abbiamo trovato veramente convincente.

Innanzitutto riportiamo dal loro sito la definizione ufficiale di quello che MomaPIX è:

MomaPIX 6.0: La soluzione professionale per agenzie fotografiche e aziende che consente di amministrare con strumenti web avanzati gli archivi di immagini, video, audio e pdf. Completamente basato sul web e multilingue, permette di pubblicare online le immagini, gestire e tracciare gli accessi dei clienti e collaboratori, regolare l’input/output dei file e dei rispettivi metadati.

Abbiamo sperimentato le varie funzioni offerte dall’account messoci a disposizione, e, pur non avendo personalmente esperienza alcuna di software di gestione digitale espressamente rivolto ad aziende, siamo riusciti ad apprezzarne i punti di forza.

Quello che colpisce da subito è l’estrema velocità di caricamento delle pagine web che via via vengono utilizzate per le varie funzioni; sembrava di usare uno dei software web-based di Google, come ad esempio Gdocs: le transizioni da una pagina all’altra sono così immediate che sembra di lavorare in locale sul proprio PC piuttosto che su web. La velocità di esecuzione del flusso di lavoro è una caratteristica fondamentale se si vuole che il proprio prodotto sia utilizzato dalle aziende e dai professionisti; come ci ricordava recentemente Tony Gentile, spesso solo per una frazione di secondo un’agenzia di stampa riesce a pubblicare e vendere la tua foto, arrivando prima del concorrente. MomaPIX in questo ha veramente centrato il segno: anche se non si hanno foto da vendere in pochi secondi ad un giornale, di solito nessuno ama attendere davanti allo schermo quando sta lavorando. … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Le ultime novità, Lightroom con Paolo Avezzano, e Piergiorgio Branzi a Discorsi Fotografici!

 

podcast

Fotobar con il nostro amico Paolo Avezzano sulle ultime novità, ma soprattutto sul nuovo Lightroom di cui il nostro ospite è un esperto, come senitrete… Continua la serie di interviste ai grandi fotografi italiani, oggi è il turno di Piergiorgio Branzi!

Siamo raggiungibili da iTunes, per abbonarsi in modo facile e gratuito tramite il servizio Apple cliccate qui

Chi non avesse iTunes può abbonarsi al feed audio del podcast cliccando qui

Cliccate i player qui sotto per ascoltare la puntata in formato AAC o MP3, potete anche scaricarvela seguendo il link “download” riportato subito sotto i rispettivi player.

… Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Pagina 1 di 212

Tema creato da federicoemmi | © 2017 Discorsi Fotografici Versione Beta 1.6