Discorsi Fotografici

Le ultime novità e DS Visuals a Discorsi Fotografici!

 

Presentiamo la nuova puntata del podcast, con alcune novità, riflessioni ed uno speciale dedicato all’importanza delle scuole fotografiche con il nostro partner Alessandro Della Savia di DS Visuals!

Siamo raggiungibili da iTunes, per abbonarsi in modo facile e gratuito tramite il servizio Apple cliccate qui

Chi non avesse iTunes può abbonarsi al feed audio del podcast cliccando qui

Cliccate i player qui sotto per ascoltare la puntata in formato AAC o MP3, potete anche scaricarvela seguendo il link “download” riportato subito sotto i rispettivi player.

… Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Workshop Fotografico Torino 2012 – Contratti di Quartiere

Siamo lieti di condividere con voi questo reportage “urbano“, gli scatti sono stati realizzati durante il Workshop Fotografico Torino 2012, gestito dal fotografo Giulio di Meo, che è stato organizzato nell’ambito del Contratto di Quartiere, un programma di rigenerazione urbana che prevede interventi di riqualificazione degli spazi fisici, della dimensione sociale ed economica dell’area di via Giacomo Dina.

Nel corso degli ultimi anni il quartiere ha modificato profondamente il suo aspetto, grazie a importanti cantieri che hanno migliorato la qualità delle case e degli spazi pubblici; allo stesso tempo si è verificata anche una trasformazione da un punto di vista sociale, attraverso le persone, i luoghi dell’abitare e dello stare insieme. … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Grande evento on-line con Michael Freeman

Siamo lieti di annunciare questo interessante evento organizzato dalla Logos Edizioni, casa editrice leader in Italia per le pubblicazioni di grafica, illustrazione, architettura, moda, design, ma soprattutto fotografia.

 Martedì 30 Ottobre alle ore 19:00

Michael Freeman, il guru della fotografia mondiale e autore del bestseller L’occhio del fotografo,

sarà a disposizione di estimatori e appassionati di fotografia per raccontare alcuni aneddoti della sua lunga carriera e rispondere alle domande del pubblico.

Per partecipare è sufficiente iscriversi.

Informazioni e dettagli a questo link

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

La Scozia, un reportage di Francesco D’Alonzo

Discorsi Fotografici continua la serie di reportage con il viaggio in Scozia del fotografo Francesco D’Alonzo

DFBenvenuto su Discorsi Fotografici e grazie per il tuo contributo! Per iniziare parlaci un poco di te.

FDA: Mi chiamo Francesco D’Alonzo, classe 1981 e non sono un fotografo professionista. La mia passione per la fotografia è sbocciata in concomitanza con gli anni universitari. Laureato in economia ambientale, il confrontarmi con tematiche ambientali mi ha portato ad approfondire e a scoprire l’ambiente che ci circonda e a rendermi conto che la fotografia poteva essere un mezzo, forse l unico per far vedere l’ambiente sotto altri punti di vista. Nel 2008 ho acquistato la mia prima reflex (una entry level) e da quel momento la passione per la fotografia è diventata una costante della mia vita che mi accompagna ogni giorno, ogni momento e con sempre maggiore importanza. Provare, scoprire, sperimentare questo è il motto che si ripete nel mio cervello quando scatto, quando viaggio, quando cerco di rappresentare “il mio mondo” attraverso la mia reflex. In pochi anni ho affinato la tecnica, ho studiato, ciò mi ha portato ad aprire un mio sito web (www.francescodalonzo.it) ad avere l’approvazione delle persone che hanno iniziato ad apprezzare i miei scatti e tutto questo non ha fatto altro che accrescere in me il desiderio di immergermi completamente nella fotografia… chissà magari un giorno diventi qualcosa in più di una passione… sempre con lo stesso spirito, la stessa voglia. … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Fujifilm EXR 750 – La Recensione di Discorsi Fotografici!

A cura di Silvio Villa

Agli albori della fotografia digitale la maggior parte di noi poteva permettersi al più una fotocamera compatta, visti i prezzi non proprio contenuti che le rivoluzioni elettroniche portano da sempre con sé nei primi mesi di vita. Anche con solo 2 megapixel ci sembrava di essere di fronte a qualcosa di incredibile, foto luminose, errori di scatto correggibili senza dover attendere lo sviluppo e soprattutto l’affrancazione definitiva dai costi di rullino e stampa delle proprie fotografie.
Molti hanno imparato le regole della fotografia e sono migliorati anche senza avere una reflex, che dieci anni fa era davvero riservata ai soli professionisti per questioni sempre legate al prezzo. Oggi tutto questo sembra relegato per sempre al passato: con una cifra pari ad un terzo di uno stipendio medio si possono acquistare kit di reflex e obiettivo che permettono a tutti, o quasi, di sperimentare tecniche una volta detenute solo da chi faceva della fotografia una profonda passione o professione.
Nell’era delle reflex “per tutti” sentiamo sempre di più nei nostri discorsi fotografici parlare delle fotocamere compatte come di un blando sostituto della reflex quando non abbiamo voglia di portarci il peso dietro, oppure come di fotocamere destinate alla massa che non ha il tempo o le pretese di stare dietro ai parametri di scatto e preferisce che la propria fotocamera faccia tutto da sé, senza noie.
Confesso che questo tipo di pensiero era anche il mio, che consideravo ormai le fotocamere compatte non degne di essere considerate quando si parla di fotografia “seria”.
Proprio per non cadere in questo cliché abbiamo deciso di provare con mano una fotocamera compatta che ci aveva comunque già impressionato al Photoshow 2012: la Fuji EXR750.
Certo immaginerete che il mio primo pensiero sia stato del tipo: “Sono sicuro di accenderla ed usarne tutte le funzioni al volo, tanto ormai sono un tipo esperto e questa è una compatta…”
Ed invece, come succede nella maggior parte dei casi, la mia presunzione è stata punita quasi subito; non appena abbandonate le modalità di scatto classiche mi sono imbattuto in qualcosa che proprio non riuscivo a spiegarmi senza leggere il manuale. Questo qualcosa si chiama sensore EXR. … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Pagina 1 di 212

Tema creato da federicoemmi | © 2017 Discorsi Fotografici Versione Beta 1.6