Discorsi Fotografici

Tante novità a settembre e Luciano Bovina a Discorsi Fotografici!

 

Il prossimo Photokina porterà tante novità, vediamo insieme quali sono ed ascoltiamo l’intervista al fotografo viaggiatore Luciano Bovina!

Siamo raggiungibili da iTunes, per abbonarsi in modo facile e gratuito tramite il servizio Apple cliccate qui

Chi non avesse iTunes può abbonarsi al feed audio del podcast cliccando qui

Cliccate i player qui sotto per ascoltare la puntata in formato AAC o MP3, potete anche scaricarvela seguendo il link “download” riportato subito sotto i rispettivi player.

… Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Speciale Nettuno Photo Festival – Prima puntata

Come annunciato da qualche mese, Discorsi Fotografici sarà partner dell’Associazione Occhio dell’Arte nello svolgimento del Nettuno Photo Festival. Il nostro contributo consisterà nell’intervistare tutti i grandi nomi che interverranno nei giorni del Festival, e siccome di grandi fotografi o personaggi importanti del mondo della fotografia ce ne saranno molti, abbiamo deciso di intervistarne qualcuno negli ultimi giorni e di pubblicare le interviste in anteprima per voi!

In questa puntata ascolteremo le parole del fotografo Stefano Corso, del creatore di forum fotografici Domenico Addotta, del famoso critico fotografico Roberto Mutti e del “cacciatore” e fotografo di alberi Tiziano Fratus. Quattro diversi approcci al vasto mondo della fotografia che certo incuriosiranno, ma che soprattutto insegneranno qualcosa di nuovo a noi tutti.

Vi auguriamo buon ascolto e vi diamo appuntamento alla prossima puntata fra pochi giorni!

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

MA DOVE SONO APPESE QUESTE CHIAVI?

Dove sono appese queste chiavi?

Normalmente le chiavi si appendono ad un portachiavi che si trova vicino alla porta. Quando rientro a casa appendo le mie chiavi ad un portachiavi di legno di pino. Mi piace sentire l’odore del legno, mi fa subito sentire a casa. Chiudo la porta e mi sento al sicuro.

Quando ho visto queste chiavi appese in un posto insolito mi è subito venuto in mente che ci sono persone che non si sentono al sicuro perché non hanno più la propria casa.

Queste chiavi sono state appese dagli Aquilani sulle transenne che delimitano la zona rossa della loro città a seguito della protesta del 20 febbraio 2010.

Ho visitato il capoluogo abruzzese il 5 luglio 2012 partecipando alla “Lunga marcia per L’Aquila”. Questa manifestazione aveva come scopo quello di far riportare l’attenzione su questa città colpita dal terremoto del 2009. Dopo gli interventi d’emergenza, infatti, il centro storico è ancora da ricostruire. Inoltre questa manifestazione faceva parte di un progetto più grande denominato “Stella d’Italia”. Tale progetto si proponeva di ricucire idealmente il nostro Paese attraverso un incontro di persone provenienti da varie parti d’Italia al fine di recuperare un’unione dopo anni di divisioni territoriali e sociali.

In questa immagine ogni chiave rappresenta una famiglia senza casa e una casa senza famiglia. Ogni chiave rappresenta una storia spezzata che lo Stato non ha ancora ricucito. Queste chiavi sono appese come le storie delle persone che rappresentano.

Mi ha colpito il fatto che ad ogni chiave sia stato messo un diverso portachiavi. È un gesto umano per esprimere la propria identità personale, al contrario dello Stato che ha trattato il terremoto de L’Aquila solo facendo riferimento a numeri dimenticando che dietro questi numeri ci sono vite umane.

Queste chiavi appese rappresentano un gesto di rabbia e disperazione degli Aquilani nei confronti del governo e di chi rideva nella notte del 6 aprile 2009.

Per quanto tempo queste chiavi resteranno appese in questo strano posto? Domanda senza risposta visto che queste chiavi non hanno più una porta da aprire.

La visione di questa immagine mi lascia una domanda aperta: “Perché delle persone sono state costrette a fare questo gesto quando chiedono solo un loro diritto?”

Daniele Ciuffa

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Panasonic la nuova LUMIX Super Zoom DMC-LZ20 dotata di automatismi intelligenti

Panasonic è lieta di presentare la nuova fotocamera digitale compatta LUMIX DMC-LZ20, con ultra-grandangolo 25mm e potete zoom ottico 21x (equivalente a un 25-525mm nel formato 35 mm) e coadiuvata dallo stabilizzatore ottico. Il sensore CCD ad alta risoluzione da 16,1 megapixel e l’avanzatissimo processore di immagine LSI offrono elevata velocità di risposta e alta qualità di scatti e video.

Per I fotografi meno esperti, i noti automatismi di Lumix, iA (Intelligent Auto) garantiscono un corretto ed efficace supporto in qualsiasi condizione di scatto, al fine di ottenere sempre e comunque un risultato ottimale. Oltre alla modalità iA, le impostazioni P / M sono in grado di sviluppare e massimizzare l’esperienza fotografica degli utilizzatori di DMC-LZ20. … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

LUMIX LX7 di Panasonic – Date forza alla vostra espressività

Panasonic presenta la sua nuova LUMIX LX7, una fotocamera compatta premium di assoluta avanguardia. Lo stato dell’arte nella tecnologia di immagine e gli avanzatissimi controlli manuali saranno al servizio della vostra espressione creativa. E’ dotata di uno straordinario obiettivo LEICA DC VARIO-SUMMILUX, che ha un’apertura massima di F1.4, di sensibilità elevata, per catturare superbe immagini con pochissima luce, e di caratteristiche di ripresa altamente versatili, per stimolare tutta la vostra creatività. LUMIX LX7 è stata pensata e realizzata per ottenere il meglio.

Alzare l’asticella della qualità di immagine

La LUMIX LX7 monta un obiettivo di nuova progettazione, il LEICA DC VARIO-SUMMILUX F1.4-2.3. In combinazione con il Sensore MOS ad alta sensibilità da 10.1 megapixel e con il circuito Venus Engine VII FHD,  l’obiettivo produce immagini di qualità stupefacente, anche in condizioni di poca luce. Con un’apertura che arriva a F1.4 potrete scattare bellissime immagini con profondità di campo ridotta, ottenendo un effetto di maggiore espressività. La qualità e la luminosità dell’obiettivo sono perfette per fotografare in macro soggetti ricchi di dettagli, come fiori e insetti, ma anche per catturare scene in penombra che richiedono un’esposizione più lunga, come sotto gli alberi in un bosco o nelle antiche stanze di un edificio storico.

… Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Pagina 1 di 212

Tema creato da federicoemmi | © 2017 Discorsi Fotografici Versione Beta 1.6