Discorsi Fotografici

Il Marocco, un reportage di Alessandro Vargiu

 

Ogni volta è la stessa emozione; viaggiare, scoprire.. immaginare.

La preparazione fa parte del viaggio stesso. Questa volta i bagagli dovranno essere belli carichi, due Nikon, sei ottiche, un portatile, un videoproiettore..
Abbiamo organizzato un viaggio fotografico per scoprire i luoghi più suggestivi del misterioso Marocco, apro tutte le porte della mia mente a questa nuova avventura. … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Guy Gagnon ed un lungo fotobar nella puntata estiva del Podcast!

Pubblichiamo oggi la decima puntata del nostro Podcast audio, sentiremo l’interessante intervista al fotografo canadese/belga Guy Gagnon! Un lungo Fotobar con nuovi e vecchi amici accompagnerà le vostre giornate estive…

E non dimenticate il nostro concorso!!! Cliccate qui per tutto il (breve) regolamento.

Siamo raggiungibili da iTunes, per abbonarsi in modo facile e gratuito tramite il servizio Apple cliccate qui

Chi non avesse iTunes può abbonarsi al feed audio del podcast cliccando qui

Cliccate i player qui sotto per ascoltare la puntata in formato AAC o MP3, potete anche scaricarvela seguendo il link “download” riportato subito sotto i rispettivi player.

… Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Comments Off on Guy Gagnon ed un lungo fotobar nella puntata estiva del Podcast!

Francesca Woodman, disordinate geometrie interiori

Dopo le ultime “retrospettive” di Siena e Milano, nel 2009, si torna a parlare dell’opera della giovane artista di Denver, nella mostra presentata lo scorso giugno da Giuseppe Casetti nella libreria-galleria “Il Museo del Louvre” a Roma (Francesca Woodman, photographs 1977-1981).

L’esposizione, oltre agli scatti del periodo romano, presenta stralci di diaristica, lettere e cartoline indirizzate agli amici, riflessioni personali estemporanee e appunti di lavoro; a conferma di quanto sia arduo scollare la produzione artistica della Woodman da quella che è la sua particolare vicenda umana. Il vouyerismo che le sue immagini ci inducono non riguardano solo il suo corpo, seminascosto tra pareti e oggetti di mobilio, ma anche i suoi pensieri e le sue parole. Esposti accanto alle minuscole stampe in bianco e nero ritroviamo infatti “fotogrammi letterari”, altrettanto intimi, spontanei e adolescenzialmente ingenui; “autoritratti” che forse, nonostante la disinvoltura della Woodman, non avrebbe mai inteso rendere pubblici. … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Tema creato da federicoemmi | © 2017 Discorsi Fotografici Versione Beta 1.6