Discorsi Fotografici

Inquadrare il moderno. Architettura e fotografia in Italia 1926-1965

MAXXI, Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo, Roma – Dal 24 marzo al 22 maggio 2011
A cura di Robert Elwall e Valeria Carullo, British Architectural Library Photographs Collection, Royal Institute of British Architects, LondraSala Carlo Scarpa

 

Con oltre 100 foto d’epoca provenienti per la maggior parte dalle raccolte del RIBA British Architectural Library Photographs Collection di Londra, la mostra inaugurata al MAXXI di Roma indaga come la fotografia, fin dal momento dalla sua apparizione, abbia profondamente influenzato lo studio e la pratica dell’architettura.

Ciò è particolarmente evidente a partire dagli anni ’20, con l’avvento del Movimento Moderno (rappresentato in Italia dal Razionalismo), che rivoluzionò entrambe le discipline attivando un rapporto di scambio reciproco senza precedenti. L’esaltazione dell’opera dell’uomo rispetto alle cose esistenti in natura, tipica del periodo, conferì un nuovo status alle opere di ingegneria e di architettura, riconoscendole come soggetti privilegiati per la fotografia. Una fotografia che assunse in quegli stessi anni un carattere più dinamico, che favoriva l’utilizzo di punti di vista non convenzionali – come la veduta dal basso o quella a volo d’uccello – gli improvvisi cambiamenti di scala, i forti contrasti tonali, l’astrazione geometrica e i contorni netti. Questa nuova sensibilità artistica si sviluppò anche grazie all’introduzione di una nuova serie di macchine fotografiche più maneggevoli, piccole e leggere, in grado di riprodurre la rapidità dello sguardo.

La mostra intende indagare il legame tra architettura e fotografia in Italia in questo specifico periodo storico, evidenziando sia il lavoro dei fotografi, che il ruolo delle riviste specializzate, a cui va il merito di aver reso l’architettura fruibile al vasto pubblico.

http://www.fondazionemaxxi.it

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

No Comments

L’intervista a Lucia Baldini e Zeiss vs Canon nella sesta puntata!

Pubblichiamo oggi la sesta puntata del nostro Podcast audio, dove conosceremo la carriera fotografica di Lucia Baldini e nuovi  interessanti argomenti nel fotobar!

Siamo raggiungibili da iTunes, per abbonarsi in modo facile e gratuito tramite il servizio Apple cliccate qui

Chi non avesse iTunes può abbonarsi al feed audio del podcast cliccando qui

Cliccate i player qui sotto per ascoltare la puntata in formato AAC o MP3, potete anche scaricarvela seguendo il link “download” riportato subito sotto i rispettivi player.

… Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Canon EF 8-15mm f/4L Fisheye USM – Qualità d’immagine fantastica anche per scatti grandangolari

In vendita da Gennaio 2011, Canon sforna un obiettivo zoom fisheye che consente di scegliere tra immagine full-frame o circolare. L’obiettivo EF 8-15 mm f/4L Fisheye USM fa parte degli obiettivi Canon serie L a prestazioni elevate e garantisce una qualità dell’immagine fantastica anche per gli scatti grandangolari.

Caratteristiche

  • Obiettivo fisheye circolare o full-frame
  • Appartenente all’acclamata serie L di Canon
  • Design resistente e robusto
  • Messa a fuoco automatica silenziosa e rapida
  • Messa a fuoco manuale continua
  • Pulizia più semplice dell’obiettivo

Obiettivo fisheye circolare o full-frame

Non occorre acquistare due obiettivi professionali dal momento che l’EF da 8-15 mm f/4L Fisheye USM è ora in grado di offrire immagini fisheye sia full-frame che circolari se utilizzato con fotocamere dotate di un sensore da 24 x 36 mm (full frame). Per i professionisti che usano fotocamere DSLR con un sensore più piccolo, è possibile comunque ottenere immagini fisheye full-frame. Con un campo visivo diagonale di 180°, l’acquisizione di una scena completa in un’immagine singola non è mai stata così semplice.

Qualità da Serie L

La serie L è la gamma ammiraglia nel settore degli obiettivi professionali di Canon e rappresenta il meglio delle ottiche EF di precisione. Gli obiettivi della serie L uniscono prestazioni di livello superiore a una maneggevolezza superba e sono altamente resistenti a polvere e umidità.

Messa a fuoco automatica rapida e silenziosa

L’USM (Ultrasonic Motor, motore ultrasonico) ad anello utilizza le vibrazioni a frequenza ultrasonica per una messa a fuoco automatica estremamente rapida e silenziosa. La CPU ad alta velocità e gli algoritmi AF ottimizzati contribuiscono ad aumentare ulteriormente la velocità AF. È disponibile inoltre la messa a fuoco manuale meccanica continua senza dover disattivare l’AF.

Qualità dell’immagine migliorata con rivestimento SWC

Progettato per l’utilizzo in fotografia digitale, il rivestimento SWC (SubWavelength Coating) brevettato da Canon contribuisce a ridurre al minimo gli effetti fantasma ed il flare causati dal riflesso interno. Eliminando la causa, il rivestimento riduce il riflesso e consente di fornire immagini nitide e dettagliate.

Pulizia più semplice dell’obiettivo

Le superfici della lente frontale e di quella posteriore sono trattate con un rivestimento al fluoro che consente una pulizia più semplice della dell’obiettivo rispetto ai rivestimenti tradizionali.

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

No Comments

Tema creato da federicoemmi | © 2018 Discorsi Fotografici Versione Beta 1.6