Discorsi Fotografici

Paolo Cantarella, il Fotobar e Michael Yamashita a Discorsi Fotografici!

Pubblichiamo oggi la quinta puntata del nostro Podcast audio, con Paolo Cantarella, le ultime novità e il grande fotografo del National Geographic Michael Yamashita.

Siamo raggiungibili da iTunes, per abbonarsi in modo facile e gratuito tramite il servizio Apple cliccate qui

Chi non avesse iTunes può abbonarsi al feed audio del podcast cliccando qui

Cliccate i player qui sotto per ascoltare la puntata in formato AAC o MP3, potete anche scaricarvela seguendo il link “download” riportato subito sotto i rispettivi player.

… Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Roma, memorie suburbane – Una mostra di Alberto Guerri

Inaugurazione: venerdì 11 febbraio 2011 alle ore 18:00
Casa dell’Architettura, piazza Manfredo Fanti, 47 Roma

La mostra rimarrà esposta fino al 24 febbraio

Discorsi Fotografici ha visitato la mostra, trovandola davvero interessante e proponendo al fotografo Guerri una intervista da pubblicare nei prossimi podcast. Raccomandiamo senza dubbio questa esposizione di scatti in HDR, sapientemente utilizzato, che ci mostra dei lati della Capitale che magari vediamo spesso ma a cui non diamo la giusta attenzione perché riteniamo poco attraenti. Riportiamo il testo che accompagna la presentazione:

Cinquanta immagini scattate da Alberto Guerri per indagare uno degli aspetti che caratterizzano con più forza i luoghi della capitale: il rapporto con il passato. E il passato di Roma non ha lasciato tracce solo nel centro storico ma anche fuori della cerchia delle mura aureliane. Un passato che riaffiora ovunque e ha creato spazi affascinati, a volte dolorosamente affascinanti, luoghi che comunque vale la pena di raccontare. Il viaggio parte dall’Esquilino, quasi un omaggio alla Casa dell’architettura: questo rione denso, centrale e al tempo stesso marginale, dominato dalla mole delle stazione Termini, da tempo un territorio in bilico fra riqualificazione e degrado. Passeggiare per le sue strade è un po’ come osservare gli strati geologici della nostra storia, improvvisamente messi a nudo da un sisma violento: Roma antica, barocco, periodo umbertino e poi il ‘900, dal Fascismo all’oggi.

Il viaggio prosegue con un percorso centrifugo, alla scoperta o riscoperta di detriti sparsi un po’ ovunque, muti testimoni che provano a mantenere una parvenza di dignità di fronte alla quotidiana violenza dell’inquinamento, del traffico, del parcheggio selvaggio. Un passato dai mille volti, dunque: l’antichità classica ma non solo. Ci sono i resti di ambienti rurali che la crescita della città ha imprigionato all’interno del tessuto urbano: la Caffarella o la valle dei Casali, ad esempio. C’è l’archeologia industriale, come quella che, al quartiere Ostiense, si specchia nel Tevere.

«...la storia di Roma non si è fatta solo nel centro storico ma, specie a partire dalla seconda guerra mondiale, soprattutto in periferia: la Resistenza, i bombardamenti, le migrazioni, i movimenti, la nuova immigrazione… Centocelle, ad esempio, non è solo una periferia, ma è anche un luogo intensamente vissuto e carico di investimenti anche emotivi; un luogo che dà un’identità. Perciò un elemento che sembra attraversare queste foto è l’ambivalenza fra nostalgia e progresso, la semplicità e l’aria pulita perdute, e un grado di prosperità, magari consumistica, conseguito…Pare di stare contemporaneamente dentro una metropoli e dentro un paese. La mente si affolla d’immagini…» dalla prefazione di Doriano Fasoli al catalogo della mostra

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Una compagna di viaggio sempre più evoluta. La nuova fotocamera compatta ibrida Panasonic con obiettivo LEICA

Panasonic presenta LUMIX DMC-TZ20, ultima nata della serie TZ, apprezzatissima in tutto il mondo per la versatilità degli obiettivi con grandangolo e teleobiettivo, per la capacità di scattare foto e registrare filmati, e per la compattezza del corpo macchina, che le rende perfette per chi ama viaggiare. L’obiettivo di questo modello è una novità: si tratta di un LEICA DC VARIO-ELMAR ad alta qualità, con ultra grandangolo 24x e potente zoom ottico 16x, in grado di affrontare qualsiasi situazione di scatto. L’obiettivo è completamente riprogettato: presenta una nuova struttura meccanica e un sistema ottico con avanzate tecnologie come il Nano Surface Coating per superiori performance ottiche, mantenendo contenute le dimensioni. … Continua a leggere

Seguici in modo semplice e veloce. Se questo articolo ti è piaciuto, abbonati gratuitamente al feed.

Tema creato da federicoemmi | © 2018 Discorsi Fotografici Versione Beta 1.6